Salta al contenuto principale
loading

Fusilli tiepidi con olive, briciole e zucchine

valide alternative

L'avrete capito, le zucchine mi garbano alquanto. D'estate sono il mio jolly: loro, così poco invadenti e accostabili a così tanti ingredienti. Mi piace il fatto che possano essere croccanti o vellutate  a seconda della cottura. Che possano essere mangiate crude o cotte.
Le giornate sono lunghe e il lavoro in ufficio si fa sempre più lento, e spesso noioso. Il sole fuori non invoglia a guardare un monitor tutto il giorno. E purtroppo sì, spesso il pranzo aiuta a rendere le mie ore lavorative più leggere. Sto sempre a pensare a mangiare, questo è un problema. E quando nella mia borsetta frigo verde c'è qualcosa di buono ad aspettarmi, me ne rendo conto, mi sento più leggera.

E' inquietante questo mio pensiero fisso, ma mi fa sorridere.

Che sia per allietare le giornate lavorative o per un pranzo al sacco sotto l'ombrellone, una pasta fredda che prenda in considerazione qualcosa di diverso rispetto ai soliti, immancabili ingredienti tricolore, mi pare un ottimo contributo ai miei menù estivi. Come al solito, le portate più riuscite sono direttamente proporzionali all'eco che fa il frigorifero. Vai a capire perché i miei neuroni vengono stimolati dalla mancanza di ingredienti. 
Fatto sta che qualche giorno fa, in modalità "Veloce che dobbiamo scappare!" ne è uscita questa pasta: mangiata tiepida perché per raffreddarla non c'era proprio il tempo. Due scatti nel tentativo di immortalarla alla meno peggio giusto per intiepidirla un pochino. E giù a trangugiarla e a rendersi conto che " cavolo, non male come improvvisazione!"

Sono riuscita a salvarne al volo una  "quasi" porzione che  ha allietato il mio pranzo in ufficio del giorno seguente. 

Ingredienti

  • 2 etti di fusilli ( per me garofalo)
  • una manciata di olive taggiasche
  • pane raffermo
  • tre zucchine fresche
  • mezzo porro
  • semi di finocchio ( a piacere)

La preparazione non meriterebbe nemmeno una parentesi a se stante da quanto è banale.

Lavate il porro, tagliatelo a rondelle, fatelo appassire in padella con un goccio d'acqua. Una volta evaporata l'acqua, aggiungete un filo d'olio Evo. Fate soffriggere dolcemente. E aggiungete le zucchinette lavate e tagliate fini. Fate saltare qualche minuto a fuoco medio, cercando di non mescolare troppo vigorosamente in modo da evitare di stracciare le zucchine. Io preferisco far saltare la padella, ma questo per sentirmi un po' chef. Aggiungete qualche seme di finocchio per insaporire. Sale e pepe. Proseguite la cottura e spegnete il fuoco quando saranno pronte ma croccanti. trasferitele in una terrina per farle raffreddare leggermente.
Portate l'acqua a bollore e salatela. Buttate la pasta. Nel frattempo in una padella scaldate un filo d'olio e sbriciolate il pane raffermo al suo interno. Fategli prendere colore e croccantezza, mescolando spesso. Spegnete il fuoco.
Unite alle zucchine le olive taggiasche.
Scolate per bene la pasta, unitela al condimento di zucchine e olive. Mescolate e unite qualche foglia di basilico spezzettata.
Impiattate cospargendo di briciole croccanti. Servite tiepida.

P