Salta al contenuto principale
loading

Torta di ricotta

Avevo voglia di sapori rassicuranti…farina, ricotta e uova. Di quelle torte soffici, che si mangiano a colazione o nel tardo pomeriggio con una tazza di te. Di quelle di cui hai la certezza del risultato, non ti impegnano la testa e, se le fai assaggiare, ti riempiono di soddisfazione. E così è stato, mio suocero è passato per aiutarci con un lavoretto in casa, l’ha guardata “ e quando la si deve mangiare questa?”... e mezza torta se ne è andata via con lui…

Ingredienti

  • 200 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 210 gr di ricotta fresca vaccina
  • 2 uova intere
  • 170 gr di zucchero semolato bianco
  • 50 gr burro fuso
  • 25 ml di latte
  • Buccia grattuggiata di un limone e mezzo
  • Un pizzico di sale
  • Zucchero a velo per decorare

Preparazione

Tirate fuori la ricotta dal frigorifero, mescolatela e lasciatela a riposare in modo che raggiunga la temperatura ambiente.  Con uno sbattitore elettrico, montate le uova con lo zucchero e il pizzico di sale per qualche minuto, fino ad ottenere un composto omogeneo, chiaro e spumoso. Grattuggiate la buccia dei limoni e unitela al composto facendo attenzione a non grattuggiare la parte bianca sottostante alla buccia perché conferirebbe al dolce un sapore amaro. Nel frattempo sciogliete il burro, lasciatelo raffreddare leggermente e unitelo al composto di uova: montate ancora per qualche minuto. Setacciate la farina con il lievito, unitene un cucchiaio al composto e continuate a mescolare a velocità media. Aggiungete a cucchiaiate la ricotta continuando a mescolare. Unite ora il resto della farina poco per volta al composto continuando a mescolare con le fruste a velocità bassa. Aggiungete il latte e continuate ad amalgamare. Preriscaldate il forno statico a 180°. Imburrate e infarinate uno stampo (io non amo il silicone per cucinare i dolci). Versate il composto nella teglia prescelta e infornate per circa 35 min. Fate la prova stecchino per valutare il livello di cottura, dovrà uscire asciutto perché la torta si cotta.

P